Questo sito utilizza cookies di profilazione e di terze parti che consentono di migliorare i nostri servizi per l'utenza. Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies da parte di questo sito.

Dipendenze Patologiche

Dipendenze patologicheParliamo di dipendenza quando c'è un coinvolgimento totale della persona intorno a quello che ormai è l'oggetto delle sue brame (sostanza o gioco). Il bisogno di procurarsi una sostanza diviene predominante rispetto a tutte le attività quotidiane: lavorare, amare, divertirsi e ...vivere una vita normale. La dipendenza impedisce all'individuo di essere sé stesso e spesso si sente trasportato come una barca alla deriva.

La sostanza e il suo raggiungimento diviene l'unico obiettivo che l'individuo si prefigge, quelli normali non ci sono più.

Il suo orizzonte si restringe intorno ad un unico oggetto (la sostanza o il gioco). Un elemento distintivo delle dipendenze consiste nella perdita di controllo, non si può fare a meno di quella data sostanza o oggetto, al di là della propria volontà o intenzione.

Di solito i comportamenti osservabili in un dipendenza da sostanze sono i seguenti :

  • Coinvolgimento quotidiano nella ricerca della sostanza
  • Bisogno di sempre maggior quantità di sostanza per raggiungere l'effetto desiderato
  • sintomi di astinenza fisica
  • uso della sostanza per alleviare i sintomi dell'astinenza
  • l'intossicazione da sostanze impedisce di svolgere attività lavorative o di adempiere impegni sociali
  • il soggetto abbandona importanti attività sociali e lavorative o ricreative per assumere la sostanza
  • Il soggetto continua ad assumere la sostanza malgrado i sintomi sociali lavorativi e fisici che ne conseguono

Il trattamento delle dipendenze è molto complesso e richiede in alcuni casi un approccio integrato sia psicoterapico che farmacologico.

In primo luogo è importante far accrescere nel paziente la motivazione alla cura e ciò significa che la richiesta di aiuto dovrà essere un suo desiderio.

Il percorso terapeutico non rappresenta solo la cura del sintomo, e quindi il raggiungimento dell'astinenza, ma deve essere in grado di liberare le potenzialità della persona, cambiando il suo modo di vedere il mondo e il suo modo di stare al mondo.

StampaEmail